Trento

Trento è raggiungibile dal Passo del Tonale in circa 1:30 di auto ed è una delle città più interessanti da visitare nei dintorni. Il centro città è piccolo e un tempo era circondato da alte mura merlate, collegate direttamente al Castello del Buonconsiglio ed estese fino all’Adige. Una parte di esse è tutt’oggi visibile in Piazza Fiera. Il modo migliore per apprezzare le bellezze di Trento è passeggiare per le vie del centro, alla scoperta dei monumenti che la città offre.

Cattedrale di San Vigilio e Piazza del Duomo

Piazza_del_DuomoIl duomo di Trento venne costruito intorno al XII secolo in stile gotico-romanico. All’interno sono presenti dei notevoli affreschi e inconsuete sono le due scale rampanti laterali, ricavate nello spessore delle pareti che salgono verso le torri campanarie della facciata. Nella cripta sotterranea è possibile visitare i resti di una basilica paleocristiana. La Cattedrale è famosa per avere ospitato nel 1545 il Concilio di Trento. La Cattedrale sorge in Piazza del Duomo, spesso acclamata come una delle più belle piazze d’Italia: è circondata da palazzi rinascimentali con al centro la grande Fontana di Nettuno. La piazza si apprezza per i bei portici ad arco e per gli edifici del Cinquecento, come i Palazzi di Via Belanziani, che ospitano negozi e ristoranti, le facciate delle Case Cazuffi Rella, affrescate intorno al 1530, e le varie Casa de Negri, Casa Crivelli-Bellesini, Casa Balduini.

Case Cazuffi Rella

Case_Cazuffi_RellaI due palazzi attigui di Cazuffi e di Rella si distinguono per essere affrescate con figure floreali e mitologiche, opera del Fogolino, le cui opere si distinguono anche in diversi altri edifici di Trento, tra cui lo stesso Duomo ed il Castello del Buonconsiglio. L’arte di dipingere le facciate degli edifizi è diffusa anche nel Trevigiano e spesso avveniva in concomitanza di eventi importanti. Il carattere dei soggetti conferisce a Trento un carattere laico differenziato rispetto alla religiosità di quelli affrescati nelle valli.

Castello del Buonconsiglio

Castello_BuonconsiglioSe si guarda dal basso il famoso castello di Trento è talmente grande che lo sguardo non riesce a catturarne la cima. Nato come fortezza difensiva nel XIII secolo divenne dimora dei principi-vescovi della contea. L’edificio originario è il merlato Castelvecchio, sede vescovile, modificato più volte secondo lo stile architettonico e artistico delle epoche successive e apprezzabile ancora oggi per il cortile e la loggia gotico-veneziana. Il Palazzo Magno è l’altra grande struttura del complesso e venne costruito in stile rinascimentale come dimora del principe vescovo Bernardo Clesio nel XVI secolo. La più recente Giunta Albertina, del XVII secolo, è invece apprezzabile per lo stile Barocco. Il castello diventò punto di riferimento della lotta italiana contro l’impero Austro-Ungarico, essendo stato teatro dell’esecuzione di Cesare Battisti e Fabio Filzi. Il castello ospita la nota Torre dell’Aquila nel cui interno si trovano antichi affreschi del Trecento raffiguranti il Ciclo dei mesi, dettagli di vita agricola e militare, opera probabile di maestro Venceslao.

Palazzo Pretorio

Palazzo_PretorioIl Palazzo che fu residenza vescovile prima della costruzione del castello del Buonconsiglio conserva ancora oggi, dopo secoli di storia, tutta la sua austera imponenza medievale: un blocco merlato di quattro lati posizionato nel centro della città e costruito interamente di conci di pietra calcarea. Nel periodo medievale era unito fisicamente alla vicina Cattedrale e al Castelletto dei Vescovi. Spicca la Torre Civica di Trento, orlata da una merlatura e decorata con bifore. Nel balcone del lato nord il 10 ottobre 1920 venne proclamata l’annessione del Trentino all’Italia.


MuSe

MuSe_TrentoIl MuSe è il museo della scienza di Trento, inaugurato nel 2013. Il MuSe si trova immediatamente a sud dello storico palazzo delle Albere, all’interno del quartiere residenziale Le Albere, progettato da Renzo Piano come lo stesso museo. Tutti i piani, ad eccezione del secondo livello interrato, sono aperti al pubblico e ospitano sia attività di esposizione (mostre permanenti e temporanee) sia attività amministrative e di ricerca. All’estremità Ovest è presente una serra tropicale di circa 600mq. Il caratteristico profilo della struttura ricorda l’andamento frastagliato delle montagne trentine e in particolare delle Dolomiti. L’edificio è stato costruito seguendo tecniche volte ad assicurare il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale, cosa che gli è valsa il riconoscimento della certificazione LEED gold.

I commenti sono chiusi